AREZZO ALTOMEDIEVALE

In collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale “Gaio Cilnio Mecenate” di Arezzo e con la Soprintendenza Archeologia,Belle arti e Paesaggio per le Province di Siena, Grosseto e Arezzo

Il percorso consentirà alla classe di addentrarsi in un periodo storico per molti versi oscuro, quello immediatamente successivo alla decadenza del municipio romano di Arretium, segnato dalla presenza di popolazioni barbariche e dal costituirsi del potere politico dei vescovi-conti sul colle di Pionta: qui sorse una cittadella fortificata, importante centro di fede e di cultura, nonché sede di meraviglie architettoniche e di tesori dell’arte. Nonostante la distruzione degli edifici voluta da Cosimo I de’ Medici, esistono ancora, nel sito e nei Musei cittadini, preziose testimonianze da indagare...

Il colle di Pionta ospitò il monaco Guido d'Arezzo dove insegnò il suo metodo musicale. I mosaici presenti all'interno dell'oratorio di S.Stefano sono coevi di Guido d'Arezzo. La conoscenza e la frequentazione di questo luogo contribuirà a comprendere a pieno l'opera di innovazione musicale nata ad Arezzo e diffusa in tutto il mondo. Arezzo, città della musica, ha nel Pionta una delle pagine più significative della sua storia nella divulgazione della musica come linguaggio universale.

Modulo A
laboratorio in classe – obbligatorio
durata: 2 ore - costo: € 60,00

Modulo B
laboratorio al Museo Archeologico e visita all’area archeologica di Pionta – facoltativo
durata: 2 ore e 30 - costo: € 50,00

Prenota questo Percorso
< Torna all'indice