La Fraternita

Presentazione

Con decreto del Presidente della Regione Toscana n. 244 del 21.12.2005 è stata costituita, con decorrenza 1 ° gennaio 2006, l'Azienda Pubblica di servizi alla Persona "Fraternita dei Laici" (ASP) con sede in Arezzo.

La ASP nasce dalla trasformazione della IPAB, Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza, Fraternita dei Laici con contestuale fusione per incorporazione dei due enti, Orfanotrofio Ubaldo e Lya Ninci e Fondazione Gianni e Maria Carlotta Occhini, rispettivamente creati nel 1925 su disposizione testamentaria del Cav. Giuseppe Ninci con regio Decreto del 22 dicembre 1925, e nel 1978/80 su disposizione testamentaria del Conte Giovan Battista Occhini del 1964, con decreti della Regione Toscana nn. 8/78 e 530/80.

Presentazione

Il processo di trasformazione delle IPAB, disciplinate sin dal 1890 dalla Legge Crispi, chiude una fase storica nel corso della quale gli Enti di Assistenza e Beneficenza hanno contribuito con la loro azione, i loro patrimoni e la loro partecipazione alle problematiche sociali, a supportare le Istituzioni Locali nel perseguimento di finalità di rilevante importanza sociale. Il processo di trasformazione segue al D. Lgs. 207/2001 che ha disposto un processo di aziendalizzazione delle IPAB tanto per quelle avessero scelto di mantenere la personalità giuridica di diritto pubblico, tanto per quelle che avessero scelto la trasformazione in persone giuridiche di diritto privato (associazioni o fondazioni).

La Legge Regionale Toscana n. 43/2004 ha quindi regolamentato il procedimento di trasformazione delle IPAB Toscane disciplinando le funzioni, la gestione e i controlli delle nuove Aziende Pubbliche di Servizi alla Persona.

L'azienda pubblica di servizi alla persona Fraternita dei Laici ha personalità giuridica di diritto pubblico, è dotata di un proprio statuto approvato dalla Regione Toscana con il decreto del Presidente della Giunta 244/2005, e di propri regolamenti che verranno emanati ed approvati secondo i termini e i tempi previsti dallo statuto medesimo, gode di autonomia patrimoniale e finanziaria basata sulle entrate derivanti dalle rendite del patrimonio, dai corrispettivi per i servizi resi, dai trasferimenti di enti pubblici e privati e da liberalità.

L'azienda pubblica di servizi alla persona Fraternita dei Laici ha sede in Arezzo, Via G.Vasari n.6 , e a norma di quanto previsto dall'art. 13 della legge regionale 43/2004 e dall'art. 10 dello statuto, è inserita nel sistema regionale integrato degli interventi e dei servizi sociali e partecipa alla programmazione zonale. Pertanto il Comune di Arezzo e gli altri comuni della zona socio-sanitaria aretina che comprende i comuni di Arezzo, Capolona, Subbiano, Castiglion Fibocchi, Civitella in val di Chiana e Monte San Savino, si avvalgono direttamente, sulla base di contratti di servizio, delle prestazioni della ASP Fraternita dei Laici con riguardo alle sue finalità istituzionali e sempre nell'ambito della programmazione e della gestione degli interventi previsti nei piani di zona e in generale nell'ambito dei servizi sociali garantiti.

Al Comune di Arezzo sono attribuiti compiti di indirizzo e di controllo. Nel rispetto dell'autonomia gestionale della ASP il Comune di Arezzo, attraverso il Consiglio comunale, adotta atti di indirizzo per il raggiungimento degli scopi e degli obiettivi fissati dalla programmazione zonale nelle specifiche aree di intervento. Allo stesso Comune è attribuita la funzione di controllo che giunge a prevedere anche poteri sostitutivi in presenza di omissioni di atti gestionali essenziali o in presenza di violazioni di legge o irregolarità statutarie o regolamentari.

Con la trasformazione in ASP la Fraternita dei Laici lascia la contabilità finanziaria che regolamentava le IPAB e introduce la contabilità di tipo economico gestionale più confacente alla struttura di tipo aziendale.

In ossequio alla lunga storia dell'ente che opera in città sin dalla sua origine, 1263, le finalità istituzionali abbracciano i vari settori sociali e culturali nell'ambito dei quali l'ente, nel corso della sua lunga storia, è intervenuto segnando profondamente lo sviluppo della Città.

La fusione per incorporazione degli enti amministrati "Orfanotrofio Ubaldo e Lya Ninci" e "Fondazione Gianni e Maria Carlotta Occhini" ha determinato la presa in carico alla ASP Fraternita dei Laici delle finalità istituzionali proprie dei due enti rivolte in linea prevalente rispettivamente ai Comuni di Arezzo e Civitella della Chiana per quanto disposto nelle volontà testamentarie del cav. Ninci e ai Comuni di Arezzo e Castiglion Fibocchi per quanto concerne le volontà testamentarie del Conte. Occhini.

Parimenti la ASP Fraternita dei Laici ha assunto la gestione diretta delle due aziende agricole Ninci e Occhini e del cospicuo patrimonio immobiliare dei due enti, aziende per le quali saranno previste specifiche modalità di gestione confacenti allo spirito prettamente aziendalistico e imprenditoriale proprio dell'attività agricola.

Lo statuto della ASP, con l'art. 3, Scopi e Finalità, delinea l'ambito degli interventi che vengono di seguito specificati in maniera più analitica per i singoli settori di intervento: art. 4, Attività nel campo socio-assistenziale; art. 5, Attività nel settore delle arti, dell'istruzione, della cultura e dell'ambiente; art. 6, Servizi cimiteriali.